Archivi tag: performance

Non avrà tempo il tempo_reading performativo

Venerdì 1 febbraio ore 20
Libreria nuova macelleria Patella (Altamura)

NON AVRÀ TEMPO IL TEMPO
Iula Marzulli legge Giovanni Raboni

⦿

“Non avrà tempo il tempo” è l’installazione per corpo e voce dedicata a Giovanni Raboni e al suo intimo passo poetico dedicato alla compagna Patrizia Valduga. Iula Marzulli esplorerà i brevi testi delle “Canzonette Mortali” portando per mano gli spettatori tra le parole di Raboni. Un passaggio che si rivela anche un assaggio di ciò che mortale, si rende immortale attraverso la memoria e l’amore.”

Fb: https://www.facebook.com/events/237706717119964/

‘Inverno_o delle Primavere’ per la rassegna Carne Sonica

31 MARZO 2018

per la rassegna CARNE SONICA, presso la Galleria Foothold di Polignano

27798313_2122666927760471_1723294623678904859_o

Inverno_o delle Primavere‘ è una delle performance elaborate da Iula Marzulli, per la serie “Il ciclo delle stagioni”. Il lavoro coinvolge l’utilizzo del corpo, del video, del suono e della poesia. La versione del 2018 è in collaborazione con il videomaker Alessandro Indrio e il musicista Gerardo Antonacci.

Un fluttuare tra il nero e il bianco, tra il volo degli uccelli e i rami nudi degli alberi. Un dono alla onnipresenza di nascita e morte, un inno alla vita

Galleria Foothold “Like a little disaster”, Polignano (Bari)

ore 21:00

Laboratori

Laboratori annuali e brevi

Immagine Sonora

Corso annuale condotto a Bari. Formazione per coloro che vogliono esplorare il mezzo teatrale e performativo come strumento di espressione creativa. Formazione attoriale.

Il corso “Immagine Sonora” esplora:
-tecniche per consapevolezza della presenza scenica
-respirazione e esplorazione sonora
-training fisico (rilassamento, azione-reazione, elementi di Qi Gong)
-incursioni di training in esterna (in città, parchi)
-lavoro con il testo
-metodo di ricerca dei materiali e composizione.

Il corso si conclude con uno spettacolo da presentare al pubblico ed è aperto a tutti coloro che hanno compiuto la maggiore età. Corso promosso dall’associazione Alauda.

Avere cura

Corso annuale dedicato a chi vuole conoscersi attraverso la relazione con gli altri e la relazione con se stessi, stimolata dalle pratiche teatrali. Attorno alla tematica della “cura di sé” si sviluppa il laboratorio che mira a:

-rafforzare la propria capacità di comunicare emozioni e sensazioni; -potenziare le capacità espressive del corpo e della voce; -rafforzare la fiducia in sé e nell’altro; -esplorare le proprie capacità vocali; -migliorare l’uso della voce e l’espressività della parola; -affinare capacità di ascolto e dialogo; -affinare capacità di lavoro in gruppo.

Il corso si conclude con una restituzione finale, con le composizioni sceniche dei partecipanti.

Lettura espressiva

Corso destinato a chi vuole approfondire o esplorare l’uso della voce nella lettura. Ascolto, presenza, espressività sono le qualità che vengono potenziate nel corso, durante il quale si consulta un’opera che viene letta e proposta al pubblico come resituzione conclusiva del percorso.

Tra le tecniche: consapevolezza e utilizzo del diaframma, respiro e pressione respiratoria associata alle parole, scioglimenti, articolazioni e masticazione, rilassamento, consapevolezza della presenza del proprio corpo, sguardo e animazione con eventuali oggetti di scena.

Performance e Natura

q

Workshop brevi per l’approfondimento dell’atto performativo in relazione con la natura e la poesia. I workshop hanno lo scopo di creare gruppi di lavoro attorno alla tematica corpo-natura-poesia e sono aperti sia a professionisti che lavorano nel campo delle arti che ad amatori.

L’idea è che ognuno porti le proprie esperienze in un luogo dedicato, per costruire assieme un gesto performativo in uno spazio aperto. Per spazi aperti si intendono boschi, campagne, aree archeologiche, giardini. Alla base di questi laboratori vi è un profondo bisogno di ristabilire un rapporto di ascolto con se stessi e con l’altro da sé. Un “altro” inteso sia come altro essere umano, sia come elemento animale, vegetale e minerale.

Durante il laboratorio si affrontano:
-utilizzo di tecniche di movimento per consapevolezza respiro, corpo, spazio
-dinamiche di relazione con l’altro e con i luoghi
-ascolto e osservazione di sé, dell’altro e degli spazi
-esplorazione sonora e utilizzo testi
-approccio al gesto creativo

Per informazioni e contatti: [email protected] o [email protected]

Inverno_o delle Primavere

La Neve che mai si accumula –
La transitoria, fragrante neve
Che arriva una sola volta l’Anno
Morbida s’impone ora –

Tanto pervade l’albero
Di notte sotto la stella
Che certo sia il Passo di Febbraio
L’Esperienza giurerebbe –

Invernale come un Volto
Che austero e antico conoscemmo
Riparato in tutto tranne la Solitudine
Dall’Alibi della Natura –

Fosse ogni Tempesta così dolce
Valore non avrebbe –
Noi compriamo per contrasto – La Pena è buona
Quanto più vicina alla memoria –

Emily Dickinson

Nascita e morte, morte e rinascita. Veniamo dal nero o siamo segni che emergono dal bianco? Ciclica e necessaria metamorfosi che unisce il tempo del consumarsi a quello del germinare. Opposti che necessitano l’uno dell’altro per essere vita. L’atto dell’abbandono delle forme per darci nuova forma. “Inverno_o delle Primavere” è un lavoro sul corpo e sul suono suggerito dall’osservazione degli elementi naturali capaci ancora di farci interrogare sul nostro modo di essere al mondo, come esseri umani in eterno conflitto con la natura, alla ricerca di una forma nuova di ascolto e comprensione dell’altro. Altro come essere umano, animale, pianta o parte minerale.

Performance per suono, poesia, video, movimento, installazione istantanea con pubblico.

Performance di e con Iula Marzulli, suono a cura di Gerardo Antonacci, video a cura di Alessandro Indrio.

 

Birth and death, death and birth. We came from the dark or we are signs emerging from the white? The cycle of metamorphosis is necessary for the existence. Opposites that need each other to be life. There’s an abandon of shapes to create new life. “Winter_or about Springs” is a work suggested by the observation of nature, able to question our human behavior. A way to comprehend the Other in all its forms, from animals to rocks.

Performance based on sound, movement, video, instant installation with public

Performance directed and performed by Iula Marzulli
Sound: Gerardo Antonacci
Video: Alessandro Indrio

Fammi girare l’anima

10 dicembre 2016 – 6 gennaio 2017

fammi-girare-lanima_locandina

Fammi girare l’anima”_opere di piccolo formato e incontri performativi

L’associazione culturale “Alauda”, nata dalla sinergia di Jara e Iula Marzulli, per la creazione e la promozione di opere e attività legate alle arti e, in particolar modo, alle arti visuali e quelle performative, promuove dal 10 dicembre 2016 al 6 gennaio 2017 una esposizione che si terrà nello studio d’Arte di Jara Marzulli ad Adelfia.

L’intento è quello di avvicinare il pubblico alla conoscenza dell’Arte contemporanea, in un luogo raccolto e intimo. Un luogo che diventa allo stesso tempo aperto ad un circuito più ampio con artisti provenienti da varie parti d’Italia, di lunga carriera, giovani e talentuosi.

Le opere attingono a varie tecniche immediate e fresche, di un formato piccolo e più accessibile, avvicinandosi ancor più al tratto istintivo dell’artista: un disegno, un acquerello, un dipinto abbozzato. Protagonisti saranno anche lavori ad incisione, fotografie ed elaborazioni digitali.

Gli artisti presenti nell’esposizione sono: Jara Marzulli, Lara Ferrulli, Giancarlo Marcali, Vania Elettra Tam, Angela Regina, Flavia D’Alessandro, Grazia Salierno, Franco Altobelli, Margherita Ragno, Ilaria Margutti, Antonio Delluzio, Rosalia Zutta, Cristina Iotti, Marina Mancuso, Giuseppe Petrilli, Domenico Scaringi, Leo Ragno, Leo di Domenico, Concetta Russo, Alfredo Ingino, Sergio Pasquadibisceglie, Carlo Cofano, Adriano Fida, Vincenzo Colella, Arianna Cafarchia.

Nella giornata di apertura sarà possibile partecipare, alle ore 22.00, alla performance sensoriale “Autunno_Esperimento #1” a cura di Iula Marzulli, un rituale di fine autunno e inizio inverno affidato alla poesia e al suono.

Il 17 dicembre invece sarà dedicato alla proiezione del documentario sulla Puglia, “P-Frames”, realizzato in crowdsourcing, con il contributo degli utenti del web, da REC movie. Presenterà la co-autrice Marianna Fumai, con la quale i partecipanti potranno dialogare.

Dall’11 dicembre è possibile visitare l’esposizione “Fammi girare l’anima” su prenotazione e su richiesta.

DURATA: 10 dicembre 2016 – 6 gennaio 2017 ingresso gratuito con tesseramento
APERTURA: 10 dicembre, ore 20.00
APPUNTAMENTI: 10 dicembre, ore 20.00 apertura; ore 22 performance sonora “Autunno_Esperimento #1” degustazione di prodotti locali 17 dicembre, ore 19.30 ,“P-Frames” video documentario
LUOGO: Ass. culturale “Alauda” sede presso lo Studio d’arte di Jara Marzulli, in via Quintino Sella n.3, Adelfia(BA) Info, visite e prenotazioni: +39 3336576674; +39 3495627533

fb: https://www.facebook.com/events/560318694159567/